Bus delle città d’Italia

In tutte le città d’Italia di medie e grandi dimensioni è presente una rete urbana di autobus gestita dalle diverse società che hanno in gestione tale servizio. Esempi noti sono l’ATAC di Roma, l’ATM di Milano, l’ANM di Napoli, l’ATAF di Firenze, GTT di Torino, TPER di Bologna, AMTAB di Bari, AMT di Genova, AMAT di Palermo. Queste sigle comprendono tutte la T di Trasporto ad eccezione di Napoli che in cui c’è la M di mobilità.

In tutte le città, il bus interurbano rappresenta di gran lunga il mezzo più utilizzato da chi si muove senza automobile, ad eccezione delle città in cui vi è la metropolitana, un mezzo sicuramente più veloce, più pratico e comodo.

ATAC di Roma

L’ATAC Spa, ovvero l’Azienda per i Trasporti Autoferrotranviari del Comune di Roma, è la società che ha in concessione il trasporto pubblico di Roma Capitale, alla quale si aggiungono anche altri comuni della città metropolitana di Roma e della Provincia di Viterbo.

Si tratta di un’azienda che ha a che fare con numeri enormi, con oltre 1 miliardo e mezzo di passeggeri all’anno (miliardo non è un refuso).

La flotta dell’ATAC di Roma conta oltre 2700 autobus, circa 170 tram, 30 filobus.

ATM di Milano

L’ATM Spa, ovvero Azienda Trasporti Milanesi Spa, è la società pubblica proprietà del Comune di Milano che si occupa dell’amministrazione e della gestione del trasporto pubblico nella città.

Il parco autobus della ATM Milano si compone di circa 1400 autobus tra quali una parte è di tipo ecologico, a basse emissioni. Nella direzione ecologica continua a muoversi il comune, con l’obbiettivo di raggiungere una percentuale considerevole in pochi anni. Considerato che si tratta di un territorio molto più piccolo della superficie della città di Roma, il sistema di autobus della città di Milano si pone come molto avanzato rispetto agli altri capoluoghi d’Italia e soprattutto rispetto alla capitale.

Consigli per chi prende l’autobus in Italia

Un piccolo paragrafo molto utile per coloro che visitano l’Italia per la prima volta potrebbe essere quello di non prendere alla lettera gli orari quando si visitano città di medie dimensioni con una flotta ridotta. In quanto a orari, sebbene possano esserci delle imprecisioni, gli autobus sono più comodi nelle città con una grande flotta e un sistema di trasporto che riesca a smaltire il traffico delle automobili. Un esempio è Milano, ma funziona molto bene anche in altre città come Torino, Brescia, Bologna.